Ipertermia

Metodica terapeutica di trattamento del tumore
che sfrutta gli effetti dell’energia indotta da un campo elettromagnetico a bassa frequenza

Ipertermia oncologica

L’ipertermia oncologica è una metodica terapeutica di trattamento del tumore che sfrutta gli effetti dell’energia indotta da un campo elettromagnetico a bassa frequenza.

È indicata per il trattamento di tumori solidi ( seno, polmone, fegato, stomaco, colon-retto) e per ridurre le metastasi.

Può essere o meno associata a chemioterapia e radioterapia nel qual caso consente di ottenere il potenziamento delle stesse terapie tradizionali, riducendone gli effetti collaterali. Non solo, è anche in grado di stimolare il sistema immunitario perché provoca la liberazione di sostanze immunoregolatrici, le citochine, che hanno un effetto protettivo per l’organismo.

Poco diffusa in Italia, ben di più all’estero, può essere considerata un valido completamento delle strategie terapeutico a disposizione del paziente oncologico. Negli ultimi anni la pratica dell’ipertermia nel trattamento dei tumori si è diffusa anche grazie a nuovi sistemi di rilascio del calore.

In particolare la metodica messa a punto dal Prof. Andras Sazsz, biofisico della Sant Istvan University di Budapest, e adottata dal Centro Medico Demetra di Terni, sfrutta le modificazioni indotte da un campo elettromagnetico a bassa frequenza (13.56 mHz) sulla cellula tumorale; la novità sta nella capacità della macchina di discernere il tessuto sano da quello malato in virtù della sua diversa conducibilità elettrica, conseguenza diretta della diversa attività metabolica della cellula neoplastica rispetto a quella sana.

In questo caso quindi sarebbe più corretto parlare di “elettroipertermia” o, come la definisce il suo ideatore, “oncotermia”.

L’effetto terapeutico del trattamento si esplica attraverso il blocco della duplicazione della cellula tumorale (apoptosi) e successiva necrosi.

In più di dieci anni d’applicazione il trattamento si è dimostrato sicuro e praticamente senza effetti collaterali, cosa confermata anche dall’esperienza acquisita nel nostro centro con oltre 3000 ore di trattamento effettuate.

Il mondo scientifico internazionale ormai è abbastanza consapevole sugli effetti benefici che “l’aumento controllato di calore nel corpo umano” determina nella lotta contro i tumori.

Quando invece, ci si domanda cosa è l’ipertermia le cose si complicano. Ed è proprio da questa confusione che nasce lo scetticismo di alcuni pazienti e medici.

Per terapia ipertermica o ipertermia, in generale si intende il riscaldamento controllato di tessuti biologici a temperature superiori a quella fisiologica. Per ottenere questo risultato si possono utilizzare un’infinità di tecniche, ma non tutte funzionano allo stesso modo, non tutte hanno le stesse potenzialità, gli stessi effetti benefici, gli stessi effetti collaterali e limiti. In parole povere, non basta innalzare la temperatura del corpo umano per vincere il tumore.

Questo perché, di fatto l’aumento della temperatura in situ è una conseguenza dell’energia erogata e quindi gli effetti terapeutici non sono determinati solo e soltanto dall’innalzamento della temperatura stessa ma anche e soprattutto dai processi biologici che si innescato al momento in cui questo flusso di energia (elettromagnetica), calore, investe la cellula malata.

Tra le varie metodiche che si possono utilizzare per innalzare la temperatura di un tessuto biologico, sicuramente quella che utilizza campi elettromagnetici, ha oggi una larga applicazione clinica. Attualmente si usa la frequenza di 13,56 MHz, che permette di ottenere un riscaldamento in profondità dei tessuti trattati in modo non invasivo e perché gli effetti collaterali sono praticamente vicini allo zero.

Con l’uso di questa metodica si sono ottenuti dei risultati documentati in molte malattie tumorali con localizzazioni solide. Di fatto, l’ipertermia a radiofrequenza è ben lungi dall’essere una pratica sperimentale essendo presente nel Prontuario Terapeutico Nazionale da circa venti anni, codificata al numero 9985.2, quindi è terapia riconosciuta dallo Stato Italiano e da tutti gli Stati della Comunità Europea e nel mondo.

Elettroipertermia al Centro Medico Demetra

Trattamento Ipertermia Oncologica

DEMETRA ML CELL FACTORY

La produzione di terapie cellulari avanzate

-Learn more

DEMETRA CLINIC CENTER

La divisione clinica

-Learn more